• darkblurbg
    SCARICA LA CARTA SOCIO 2020
    Clicca per scaricare la LA CARTA SOCIO 2020
  • darkblurbg
    Non ti costa niente! DONA
    Il Tuo 5x1000 alle ACLI
< torna indietro | Home  »  Servizi Acli »  Far rispettare la legge, ma non esagerare con la burocrazia”

Far rispettare la legge, ma non esagerare con la burocrazia”

L'APPELLO DEL NOSTRO VICE-PRESIDENTE PAOLO GIORDANO SULLA RIFORMA DEL TERZO SETTORE

Notizia inserita il 10/09/2020

Far rispettare la legge, ma non esagerare con la burocrazia”

Il vice presidente vicario provinciale delle Acli cuneesi, Paolo Giordano, dottore commercialista, amministratore dell’associazione, nel suo intervento al congresso del 3 ottobre, oltre a ricordare, in sintesi, quanto è stato fatto dalle Acli cuneesi prima e dopo la comparsa dell’epidemia da Covid, ha ribadito con forza che il Terzo settore va sostenuto e che è importante che le istituzioni continuino a riconoscerne il lavoro prezioso e insostituibile, valorizzando quelle reti associative diffuse sul territorio che accompagnano le persone, promuovono solidarietà e sostengono la comunità.

Un accenno importante, da fiscalista, Giordano lo ha riservato alla riforma fiscale e civilistica del Terzo settore.

“Il processo, lungo e ricco di rinvii e ostacoli - ha affermato - è partito e per le associazioni sarà sicuramente un’opportunità poter usufruire della nuova denominazione di “Enti del Terzo settore”.

Come Acli Cuneo abbiamo lavorato e stiamo lavorando e studiando per capire al meglio la riforma (e non è un lavoro semplice) e poter aiutare i nostri circoli ma vorrei fare una considerazione: la riforma nasce per sfoltire quel sottobosco vergognoso di false associazioni e di enti che poco hanno a che vedere col volontariato e che, furbescamente, cercano di beneficiare di agevolazioni non loro. Combattere questo fenomeno è giusto ed è un intento nobile. Lanciamo però un monito alle istituzioni e al legislatore: controllare e far rispettare la legge è sacrosanto; l’importante, però, è non esagerare con eccessivi adempimenti e appesantimenti burocratici perché ricordiamolo: dietro tante belle e sane piccole associazioni ci sono presidenti e consiglieri che dedicano la vita, il loro tempo agli altri e sono volontari che, con poche risorse, la loro personale responsabilità e stringendo i denti, portano avanti a fatica la loro struttura associativa. Queste persone non sono imprenditori commerciali e non si può pretendere che lo siano (non è questa la finalità del no profit). La normativa, per il sano associazionismo, deve essere semplice e intuitiva in modo che tutti, senza eccessivi rischi, la possano rispettare e senza la necessità di costose consulenze e pesanti adempimenti, che vanno semplicemente ad impoverire le risorse destinate alla solidarietà e al fare bene”.

Foto di Quaglia Nicoletta

ACLI da 70 anni dalla parte della gente!

 

MATTEO CAVALLO, 25 ANNI!!

PRESIEDE IL CIRCOLO ACLI "SAN LORENZO" NEL COMUNE DI VALDIERI

 

A TARANTASCA IL CIRCOLO ACLI "ONDE SONORE"

per i giovani che amano la musica

 

Bonus Cultura

18app : l'edizione 2020 sta per scadere

 

LA PROTESTA DELLE ACLI PROVINCIALI DI CUNEO

“IL TERZO SETTORE VA SOSTENUTO”. AI CIRCOLI E SOCI: “NON VI LASCIAMO SOLI”

 

“ANCHE IN CASA TI STIAMO VICINO”

VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE CON LE ACLI E LA FAP, TELEFONANO AI SOCI

 

INIZIATIVA CONCRETA DI SOLIDARIETA'

DEL CIRCOLO ACLI SAN LORENZO e DESERTETTO DI VALDIERI

 

LE OSTETRICHE DEL CIRCOLO ACLI OASI

ASSISTONO LE NEW MAMME ANCHE AI TEMPI DEL COVID

Iscriviti alla nostra newsletter