• darkblurbg
    2018 PASSIONE POPOLARE
    TESSERATI ALLE ACLI di Cuneo
  • darkblurbg
    Non ti costa niente! DONA
    Il Tuo 5x1000 alle ACLI
< torna indietro | Home  »  Servizi Acli »  CONVEGNO CONCLUSIVO PROGETTO FAMI

CONVEGNO CONCLUSIVO PROGETTO FAMI

Ecco come si è svolto

Notizia inserita il 22/11/2018

CONVEGNO CONCLUSIVO PROGETTO FAMI

CONVEGNO CONCLUSIVO PROGETTO FAMI: PUNTO DI PARTENZA PER UN NUOVO INIZIO

 Cuneo - Un appuntamento per fare il bilancio conclusivo di un progetto, e allo stesso tempo dare inizio ad un nuovo percorso. E’ la sintesi del coinvolgente e partecipato convegno “Associarsi è incontrare”, svoltosi nel pomeriggio di venerdì 16 novembre, nel seminario vescovile di Cuneo, come chiusura del progetto “Fami Multiazione, InterAzioni AssociAzione”, promosso dalla Regione Piemonte e realizzato dalle Acli del Piemonte e dalle Acli di Cuneo.

Ad aprire i lavori è stato il presidente delle Acli del Piemonte Massimo Tarasco, che oltre a ringraziare tutti coloro che hanno collaborato al progetto (realizzato in provincia di Cuneo, per sostenere e rafforzare le associazioni di immigrati o di giovani stranieri di seconda generazione, favorendone la partecipazione), ha richiamato la responsabilità di tutti, e in particolare della politica, nel determinare la situazione attuale riguardo all’immigrazione, anche con provvedimenti inadeguati come il recente “Decreto sicurezza”, di cui ha messo in luce criticità e contraddizioni. “Noi italiani non dovremmo mai dimenticarci - ha detto Tarasco - che siamo stati un popolo di migranti. Invece di fronte alle migliaia di uomini, donne e bambini che arrivano sulle nostre coste e nei nostri confini, ci dividiamo e ci massacriamo di parole, polemiche, rigidità. Fino al razzismo e alla violenza. Lo voglio dire con forza: chi è razzista e violento non è degno di essere un italiano. Non fa parte della nostra identità culturale e nazionale”.

Di seguito la vice sindaca di Cuneo, Patrizia Manassero, ha portato il saluto dell’amministrazione e, ricordando l’anniversario dell’emanazione delle leggi razziali, ha assicurato l’intento dell’esecutivo cuneese di proseguire tenacemente nell’impegno a livello di immigrazione e accoglienza.

Marco Didier, presidente provinciale delle Acli di Cuneo, ha sottolineato come il progetto sia stato soprattutto un luogo di incontro e di confronto tra persone e culture e come l’associazionismo per gli stranieri sia un’occasione importante. Mettendosi insieme, si possono trasformare le istanze singole in istanze politiche, e concorrere allo sviluppo della società. “E’ fondamentale il ruolo dei corpi intermedi come le Acli - ha affermato Didier - nel raccogliere le istanze perché diventino attività politica, difesa dei diritti, formazione e mediazione culturale; ci sono spazi per ulteriori interventi e progettazione con il territorio, che vale la pena approfondire”.

Dopo l’illustrazione generale del progetto da parte della collaboratrice regionale, Virginia Aurilia, la parola è passata ai rappresentanti delle tre cooperative sociali, Colibrì, Gesac e Momo, che hanno collaborato alla realizzazione.

A seguire, il vice presidente regionale Acli, Mario Tretola, ha individuato nei verbi accogliere, proteggere, promuovere e integrare, le motivazioni per proseguire il lavoro intrapreso. “Al modo sostanzialmente negativo di raccontare i migranti e alla strumentalizzazione politica della paura dello straniero - ha detto Tretola - dobbiamo opporre il riconoscimento del valore della diversità e della alterità, il rispetto della dignità e dell’autonomia di ogni persona, nel segno della corresponsabilità. Le Acli devono continuare quanto hanno fatto e fanno, perfezionandolo”.

Don Flavio Luciano, responsabile della Pastorale sociale e del lavoro del Piemonte e accompagnatore spirituale delle Acli di Cuneo, ha richiamato la vocazione delle Acli a riumanizzare la società, ad incrociare gli sguardi, a porgere la mano, a scambiare parole.

Monica Cerutti, assessora all’immigrazione della Regione, ha affermato che parte della sua attività è volta a costruire un’altra narrazione riguardo all’immigrazione, rispetto a quella dei media e di una certa parte politica, e ha detto che lo scopo da perseguire è quello di costruire realtà e politiche che provino a governare, in modo rispettoso e corretto, questo fenomeno.

Ha concluso i lavori il responsabile immigrazione della presidenza nazionale Acli, Antonio Russo, che ha sottolineato come il titolo del progetto, “interazione” anziché “integrazione”, sia stato un’ottima scelta, e ha evidenziato come con questo lavoro che ha coinvolto la comunità si sia raggiunto l’obiettivo di vedere in modo nuovo le diversità, incontrandole, rispettandole, accettandole e ascoltandole.

Rispetto al “decreto sicurezza” del Governo, anche Russo ne ha messo in luce le contraddizioni. “L’immigrazione è cambiata in questi dieci anni - ha concluso -; spero che la politica riporti il tema al centro del dibattito, per provare insieme a trovare un approdo differente, che rimetta le persone e l’umanità al centro delle scelte politiche”.

 

ACLI da 70 anni dalla parte della gente!

 

Doppio lavoro?

E' possibile ma con alcune limitazioni

 

Invitiamo alla raccolta firme

Le ACLI nell'ora di ed. civica nelle scuole

 

1° TROFEO DI PESCA SPORTIVA

presso IL LAGO OLMI - Fraz.ne San Sebastiano

 

H4U

Nuova associazione alle ACLI di Cuneo

 

Le locazioni

cosa c'è da sapere

 

Denuncia di Successione

Cos'è? Chi deve farla? Ed alcune novità

Iscriviti alla nostra newsletter